20:41

Biscotti all'arancia candita e uvetta

Ultimamente il mio umore non è dei migliori e menomale che il Natale dovrebbe renderci tutti più buoni...
Sembra che invece mi stia regalando solo insoddisfazioni! Tutti ti vogliono intelligente, capace, leale, sincera, caparbia, corretta, tutti vogliono plasmare la tua personalità e renderti uguale a loro, tutti vogliono che tu sia migliore...e poi che cosa ti resta??? Un'esistenza vissuta a cercare di essere come gli altri ti volevano, mentre ti sei persa i tuoi sogni, i tuoi desideri, la tua voglia di spaccare il mondo...è triste che a soli 20 anni mi debba ritrovare qui a cercare di capire perchè le persone più care che hai, quelle che dovrebbero amarti incondizionatamente invece ti soffocano, ti buttano giù, ti demoralizzano...ti fanno piangere, ti fanno del male! Perchè ho passato gli ultimi anni ha maturare la convinzione che dovevo diventare una donna a tutti i costi perchè solo così avrei avuto la loro stima, che avrei dovuto dedicare molto tempo alla mia famiglia perchè era giusto così, perchè poi subentrano le malattie che piano piano ti disintegrano, ti fanno appassire ma loro sono il tuo appiglio, il tuo punto fermo. Le insicurezze, le angoscie, le paure ti confondono, ti opprimono...questo vuol dire diventare adulti???? Fermate la giostra, non mi piace, voglio scendere...

Unica consolazione per il momento sono questi biscottini...dedicati a voi che mi dedicate sempre un momento di attenzione, una parola carina, un sorriso virtuale...



Biscotti all'arancia candita e uvetta
300 gr di farina
1 cucchiaio di lievito in polvere
125 gr di burro
100 gr di zucchero di canna
70 gr di arancia candita tritata
50 gr di uvetta
1 uovo

In una ciotola capiente setacciate la farina con il lievito. Aggiungere il burro e impastare, ottenendo così un impasto sabbiato. Aggiungere lo zucchero, i canditi tritati, l'uvetta e infine l'uovo. Impastare velocemente e, con l'aiuto di un cucchiaio, formare dei mucchietti che disporrete su una teglia ricoperta con carta forno, distanziandoli un po' fra loro. Infornate a 190 °C per 20 minuti, controllando che non diventino troppo scuri.

11 commenti:

Sara ha detto...

Buoni davvero questi biscotti, e soprattutto grazie per averceli dedicati. Ti do ragione appieno, anch'io esclusi i miei genitori non credo che i parenti ti aiutino a crescere, anzi...ma forse sono stata solo sfortunata...io ho capito che bisogna cercare di essere solo se stessi perchè alla fine è quello che conta maggiormante, guardarsi allo specchio ed essere soddisfatti di ciò che facciamo ogni giorno.
Un bacio
Sara

Lo ha detto...

tesoro poi passano i giorni, lasci alle spalle, si girano le pagine e vorrai, come diceva Tiziano Terzani, fare un altro giro di giostra! un abbraccio

Snooky doodle ha detto...

Non ti abattere. E vero che ci sono momenti brutti e che certe volte gli altri vogliono delle cose da noi bizzare ma ogni uno e diverso e si deve rispettare. Questi biscotti sono favolosi. Certo ti tirano su il morale questi :)

lenny ha detto...

Non lasciarti abbattere da niente e da nessuno e cerca di trovare la forza per crescere secondo il tuo sentire.
Anche dedicarsi ad un'attività piacevole, come la cura del blog, può aiutare a rafforzare il proprio essere.
Grazie per averci dedicato questi biscottini: ne prendo per l amia colazione.
Baci

manu e silvia ha detto...

Non lasciarti abbattere...cerca di rimanere come sei!
Quelli che ti vogliono diversa, non capiscono quanto tu sia speciale così come sei!!
un bacio e un abbraccio in cambio di un delizioso biscotto!!

Ciboulette ha detto...

A volte è normale essere in contrasto con la propria famiglia, cerca di capire serenamente quello che vuoi da te stessa, e dovranno capirlo anche loro, che di certo ti vogliono bene :)

Io rubo un biscottino per la colazione...grazie!

Micaela ha detto...

dai cara tirati su!!! lo so, ti capisco, a volte gli altri vogliono plasmarti a modo loro ma tu cerca di essere forte e di essere te stessa!!! un bacione e complimenti ai biscottini!

Onde99 ha detto...

Isabel, a 20 anni è normale sentirsi così: oppressa e obbligata ad essere come gli altri ti vogliono. Poi cresci... e lo diventi davvero!!! Ma no, scherzo, poi si cresce e si impara a infischiarsene delle aspettative altrui... e si pensa alle proprie, cercando di utilizzare le risorse rimaste per realizzarle: è riuscirci che è la sfida e la sfida comincia a 30 anni... o almeno è quello che mi dico, per convincermi che non sono ancora "arrivata". Un abbraccio

michela ha detto...

I Biscotti son assolutamente deliziosi.
Per quanto riguarda il resto.tenta di guardare sempre al presente.
Nessuno ti regala mai niente.
Ci guadagnamo tutto..ed a volte abbiamo anche qualcosa non richiesto.
Tirati su con un biscotto..va.

Pamy ha detto...

ma quante belle ricette di biscotti!!! poi per Natale sono perfetti!!

Isabel ha detto...

Ringrazio tutte quante per l'appoggio e la comprensione che mi state dimostrando, questo è un luogo dove posso essere davvero me stessa, il mio angolino dove esprimere i miei stati d'animo e voi mi state dimostrando davvero tanto...
Non mi piace ammettere le mie fragilità ma purtroppo mi sono resa conto di averne molte, le sofferenze insegnano tanto ma per un momento, fermandoti, ti chiedi che cosa hai combinato di così grave per meritarne una bella dose... Un dono grande mi ha fatto la vita, il mio ragazzo, che con la semplicità, la pazienza e l'amore, mi sta aiutando moltissimo...mi ha già salvato una volta...
Ringrazio tutte, vi abbraccio forte...grazie di cuore! un bacio